Lettera aperta

Cari amici,

vorrei raccontarvi un po’ di cose della nostra Opera.

IMG_2698 (640x427)Quest’anno, per la ripresa delle attività educative, abbiamo invitato Padre Pigi per aiutarci nel cammino che dobbiamo percorrere, e lui ci ha parlato del Valore della Persona. Infatti, abbiamo molte persone nuove che lavorano nell’Opera e non è possibile lavorare in essa se non si ha coscienza del Valore della Persona.

Sapete, quando abbiamo ripreso il lavoro a gennaio, mi ha commosso vedere, il primo giorno di lavoro dopo le vacanze, il personale impiegato nell’asilo Dora e Gilmara che, pur non avendo ricevuto lo stipendio perché il comune non aveva depositato i soldi di novembre, dicembre e gennaio, ha iniziato a pulire le aule e i vari ambienti dell’asilo con grinta, nonostante tutto il dramma che vivevano per non avere soldi. È stata per me una grande testimonianza di amore all’Opera. Finalmente, il giorno 8 febbraio hanno ricevuto gli arretrati: che sollievo!

Dovete sapere che già dall’anno scorso stiamo vivendo una grandeIMG_2712 (427x640) difficoltà economica, sia perché lo Stato di Minas è sempre in ritardo con i soldi, sia perché sono diminuite le adozioni. Ma tutto questo ci interpella in continuazione sul significato del nostro lavoro, sul perché vale la pena impegnarsi, dire sì, e dare tutto di sé affinché ci siano luoghi così belli e significativi per i nostri bambini e per le loro mamme.

Dalva, che era direttrice del Centro Alvorada, nel mese di dicembre del 2015 è tornata a Manaus e questo ci ha costretto a vari spostamenti del personale negli asili. Vanda, che era direttrice dell’asilo Jardim Felicidade, ora è direttrice del Centro Alvorada: sta avanzando e imparando. Cida, che era al Dora, ora lavora con Vanda e la sta aiutando in tutto. Al posto di Vanda, come direttrice dell’asilo nido e della scuola materna, abbiamo messo Luciana che era pedagogista al Dora. Logan, pedagogista già da quando c’era Dalva, ha continuato ma, in questi giorni, abbiamo dovuto licenziarlo perché siamo costretti a ridurre le spese. Per la stessa ragione abbiamo dovuto licenziare anche il professore di informatica Alan, e il Signor Agostino che aiutava Alipio e faceva i lavori di manutenzione.

L’asilo Dora è quello che ha sofferto di più quest’anno, perché di fatto le responsabili se ne sono andate tutte. Patricia, a causa della grave malattia della sua bambina, ha dovuto lasciare il lavoro; Regina è stata molto, molto male e ha dovuto abbandonare il lavoro e Luciana l’abbiamo messa come direttrice della Creche Felicidade; mentre Cida, che era in amministrazione, ora lavora al Centro Alvorada.

Sono contenta della nuova direttrice del Dora Ribeiro: si chiama Ariane; mentre la nuova assistente sociale si chiama Josiane.

Il direttore Gleison e la pedagogista Luciana Perdigao della Creche Etelvina sono una bella coppia: l’asilo Etelvina ha fatto grandi passi da quando ci sono loro.

Ora vorrei raccontarvi una bella cosa: venerdì 20 maggio, da Brasilia, è arrivata Semea per lavorare come educatrice nel progetto dei giovani apprendisti del Banco do Brasil. Appena è andata in pensione, un anno fa, le ho detto che desideravo tantissimo la sua presenza nella nostra Opera in quanto lei ha un carisma con i giovani che a me interessa molto, ma solo ora ha potuto raggiungerci. Il suo per me ha rappresentato una testimonianza del suo amore per Cristo. Ha lasciato la Casa di Brasilia, che è nata con lei, e la comunità di Brasilia, che lei ha creato, per stare con noi. È per me commovente la sua decisione.

Qui la realtà cambia in fretta: era tutto a posto, tutto pronto e funzionante, ma c’è sempre un imprevisto che ci fa cambiare i nostri piani. A marzo la dirigente del Banco do Brasil ha chiamato Fernanda e Simone (coordinatrice del progetto) per comunicare l’ordinanza, ricevuta dal Governo di Brasilia, di ridurre la quota dei nostri apprendisti. A partire da agosto, i nostri giovani apprendisti da 93 scenderanno a 44.

Per noi è un dolore che molti ragazzi non potranno avere l’opportunità di una formazione umana e professionale e non potranno ricevere lo stipendio, se pur minimo, per aiutare in casa.

IMG_2701 (640x427)Ecco, questo è uno spaccato della nostra realtà al momento. Spero che vi abbia fatto piacere esserne a conoscenza e confido nel vostro sostegno e nella vostra preghiera.

Con gratitudine e amicizia,

Rosetta Brambilla

La forza dell’incontro, dialogo con rosetta

Domenica 11 maggio alle 16 si svolgerà presso l’oratorio maschile San Mauro di Bernareggio un incontro in cui Rosetta Brambilla, dopo la sua testimonianza, approfondirà con i presenti la sua realtà missionaria.

Un incontro al quale Vi invitiamo a partecipare e diffondere. Scarica la Locandina

l’ASSOCIAZIONE AMICI DI ROSETTA

in collaborazione con la Parrocchia S. Maria Nascente

Vi invita a partecipare a

La forza dell’incontro

rosetta

Dialogo con Rosetta Brambilla

Missionaria e fondatrice di Obras Educativas Padre Giussani a Belo Horizonte, Brasile

11 maggio 2014 – ore 16 – Bernareggio

Oratorio Maschile S. Mauro – Via Obizzone, 31